GIUGNO 2018

Presso lo stand di Ocrim e Paglierani, a destare ancora tanta curiosità e stupore è stata la presenza di famose opere d’arte, volute in fiera per comunicare l’eccellenza italiana anche da un punto di vista artistico-culturale: è stato esposto il famoso quadro “Il Supplizio di Sisifo”, appartenente alla Scuola dello Spagnoletto, sorvegliato a vista, 24h/24h. Una studiosa storica è rimasta a disposizione dei visitatori al fine di spiegare l’opera e il periodo storico in cui è stata concepita e realizzata. Inoltre, una riproduzione dell’opera “Faro”, scultura imponente (220x350 cm – diametro 60 cm) realizzata dal famoso artista Leonardo Blanco, è stata alloggiata all’interno dello stand, accanto al campo di grano e al BioStoneMill, raccontando, così, come la macchina sia il risultato del connubio tra avanguardia e tradizione.

Infine, il famoso pittore/writer Federico Santini è giunto in fiera per poter realizzare “Another Reality”, un quadro 5mx4m che ha preso forma e vita nel corso dei 4 giorni di IPACK-IMA, sotto gli occhi di una platea che non immaginava di trovarsi calata in una sorta di museo di arte postmoderna, essendosi recata a una fiera di taglio ingegneristico. “Another Reality” sarà installato nella sala convegni di Ocrim.

Ma allora perché questa scelta? Come mai Ocrim e Paglierani si raccontano attraverso questi linguaggi che potrebbero sembrare essere distanti dalle loro realtà?

I fratelli Antolini, Alberto e Sergio, hanno più volte spiegato la loro volontà e necessità di coniugare la cultura con la tecnologia, cultura intesa come presa di coscienza e reale conoscenza delle proprie radici e delle grandezze del proprio Paese. Senza cultura e conoscenza non è possibile stabilire quali siano le necessità anche concrete e pratiche del proprio tempo, per cui l’alta tecnologia e approccio avveniristico è dato soprattutto da questo livello di coscienza.

I numerosi visitatori hanno, inoltre, potuto vivere l’esperienza della Realtà Immersiva, sistema innovativo realizzato grazie al connubio tra il concetto del gaming e la tecnologia del 3D già utilizzata in Ocrim. L’impiego di questo sistema è assolutamente rivoluzionario, in quanto consente di usufruire di una formazione all’avanguardia, con una tecnologia unica che permette sviluppi avveniristici anche in ambito manutentivo. Il sistema della Realtà Immersiva era stato presentato per la prima volta nel corso di “Grano, farina e…” 2017, ha successivamente vinto il premio come miglior “product show case” alla fiera della IAOM USA lo scorso aprile ed è stato infine presentato nel contesto di IPACK-IMA 2018 in una versione avanzata rispetto alle precedenti. Il sistema, infatti, è stato potenziato in breve tempo anche grazie alla grande risposta e risonanza ottenute da parte di tutto il settore molitorio.